Migrante

Il vento soffia sulle cicatrici,
mappe indelebili,
dell’errante dal passo lento
e costante.
Ricordi nuovi, vecchi, persi
Si accumulano in disordine.
Lo sguardo lontano cade,
Il petto come faro
lì dove arde
il falò dei sogni.

Giacomo Antonio Moyetones

Foto in copertina di Roberto Basile

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...